Biografia

Nata a Cagliari, si laurea brillantemente in lingue nel 1992 presso l`Università di Roma, L.U.M.S.A., dove si specializza nello studio delle lingue anglossassoni.
Durante gli studi superiori si avvicina al mondo della musica seguendo un corso di pianoforte. Dotata di uno straordinario talento naturale, giovanissima inizia a cantare nel coro dell`associazione di tradizioni popolari della quale è stata per anni direttore artistico.
Nel 1983 esordisce come cantante folk solista in un`importante manifestazione tenutasi nella città olandese di Arnhem, riscuotendo un notevolissimo successo.
In seguito la sua passione per la musica la porta ad ampliare l`orizzonte musicale, interpretando brani di musica leggera e jazz.
Partecipa a diverse trasmissioni televisive regionali come cantante di musica delle tradizioni popolari della Sardegna.
Nel 1992 incide un lavoro discografico intitolato BENTU ‘E NOTTE, contenente alcuni tra i canti più noti della tradizione popolare sarda.
I brani che propone come interprete solista sono legati alla tradizione, ma allo stesso tempo elaborati, in un sodalizio di sonorità tradizionali e moderne che cerca di rispettare i parametri fondamentali che caratterizzano il canto stesso.
Durante la sua carriera ha avuto modo di esibirsi in importanti manifestazioni in Sardegna, in Italia ed all`estero.
Dal 1997 è autrice dei testi e musiche di diversi brani che propone durante i concerti.
Nel 1998 partecipa al “Music World Festival” di Fivizzano (Massa-Carrara) vincendo il 1° Premio per la sezione “canto solo”. Nello stesso anno collabora con lo studio di produzioni musicali Play On, realizzando jingles pubblicitari radiofonici e partecipando alla creazione di brani di musica dance e leggera.
Nel 1999 vince il secondo premio del festival della canzone sarda, interpretando un`emozionante ninna nanna in lingua logudorese.
Nel 2000 partecipa, tra i rappresentanti della Sardegna, alle manifestazioni tenutesi nella città di New York in occasione del Columbus Day. Nel Novembre dello stesso anno effettua due concerti inseriti nella manifestazione Sardegna nel mondo tenutasi in Argentina, nelle città di Cordoba e San Miguel de Tucumàn.
Nel 2001 si esibisce al festival di Musica, Danze e Canti popolari tenutosi a Budapest e, in quell`occasione, è invitata a partecipare ad una trasmissione televisiva dalla televisione RTL Ungheria. Nello stesso anno è ospite fissa, in qualità di cantante, nella trasmissione Le Feste in onda su Videolina.
Nel Settembre 2003 partecipa, a Siligo, al “1°Premio Maria Carta”. Nello stesso anno e con la collaborazione di validi musicisti, realizza un nuovo lavoro discografico: UNDAS; esso contiene otto brani inediti in lingua Campidanese e nove brani tradizionali nelle diverse varianti linguistiche sarde.
Nell`Agosto del 2004 partecipa al concerto di Andrea Parodi e Al Di Meola tenutosi nell`ambito del Rocce Rosse Blues Festival che ha prodotto un CD live uscito, in seguito, nel mercato musicale.
Nell`Aprile del 2005 partecipa, insieme al cantautore sardo Gigi Marras, al Festival della canzone d`autore di Mantova. Nello stesso anno, oltre ad esibirsi in diverse località della Sardegna, partecipa a un Festival Folk di Nizza e ad un concerto nella città di Brà (CN).
Nel 2008 effettua due concerti di natale nella città di Los Angeles organizzati dal consolato italiano.
Nel 2009 si esibisce nel concerto tenutosi nel Teatro Imperiale di Tokyo in occasione della serata conclusiva relativa all`incontro ufficiale tra Sardegna e Giappone.
Nel 2010 tiene un concerto nella città di Maastricht, in Olanda, in occasione della festa annuale degli emigrati sardi.
Nel 2011 esegue diversi concerti in Sardegna tra i quali il concerto di canti sacri per voci femminili “Voci di donne” con la cantante ligure Antonella Ruggiero e la cantante algherese Franca Masu, tenutosi il 2 maggio a Cagliari nella basilica di Bonaria.
Come tutti gli anni, anche nel corrente anno ha partecipato o effettuato diversi concerti in Sardegna.
Nel 2012 partecipa a Balingen, in Germania, al concerto “Schwäbische Weihnach” (Natale Svevo), dove presenta alcuni brani natalizi sardi accompagnati da strumenti classici e popolari tedeschi. In seguito viene coinvolta dal “Volkstanzgruppe Frommern
Schwäbischer Albverein”, un’organizzazione culturale tedesca, nel progetto europeo che realizza una raccolta di canti popolari per l’infanzia nelle diverse tradizioni europee. Il primo lavoro, ovvero un CD, è uscito l’anno successivo.
Dal 2013 effettua partecipa a diversi eventi in Sardegna, in Italia e all’estero, anche collaborando con diverse formazioni musicali.
Nel 2014 partecipa al progetto “Isula Isuli” nell’ambito dell’XI edizione “Canti di Canne” a Villaputzu, dove si incontrano le tradizioni musicali popolari della Sicilia e della Sardegna attraverso l’alternarsi del proprio repertorio quello della cantante siciliana Francesca Icudine.
Nel 2016 progetta e realizza diversi concerti, tra i quali: A Karlsruhe in collaborazione con il gruppo musicale etnico Fantafolk, per la comunità sarda emigrata in quella città. A Siena, nella dimora storica “Relais La Suvera” per un pubblico internazionale. Ad Oberhausen, dove offre lo spazio musicale in occasione dell’evento inaugurale del nuovo Circolo sardo precedentemente andato distrutto dal fuoco.
Tra il 2015/2017 partecipa allo spettacolo/concerto “Heimat im Wandel” al Teatro di Mössingen (Germania) in collaborazione con la compagnia teatrale dialettale sveva “Die Drei vom Dohlengässle”, dove si incontrano le due diverse culture popolari sarda e tedesco-sveva.
Nell’estate del 2017 realizza un progetto musicale con il gruppo etno-rock Nemos, da cui nascerà un concerto.
Nel 2018 esegue l’intervento musicale inserito in una conferenza dell’allora Ministro degli Esteri e vice Cancelliere della Germania Sigmar Gabriel.
Partecipa inoltre con altri artisti sardi alla 4ª edizione dell’evento organizzato ad Oliena per la Settimana Santa “Cantos de Lughe”.
Da qui nasce l’idea di realizzare un lavoro discografico di canti sacri. Dopo aver inciso la propria versione di “Sette ispadas de dolore”, compone quindi una melodia per il canto liturgico “Santo” e traduce il testo in sardo-campidanese. Il lavoro è ancora in corso.
Nel 2019 partecipa alla 13ª edizione di "Beni Beni Beranu" organizzata dall`Associazione Culturale Froris de Beranu a Quartu S.Elena. In quello stesso anno rappresenta la Sardegna nell’evento "Europafest der Kulturen" che si tiene ogni anno a Heilbronn, dove partecipano artisti di diverse etnie.
Nel 2020, durante il lockdown dovuto al Covid19, viene chiamata a partecipare al progetto denominato “Bottalrle un Xeito” ideato e curato dall’Associazione Culturale Xistra de Coruxo della Galizia. Il tema è appunto la pandemia. Il progetto ha unito diversi artisti provenienti da svariati stati europei che insieme, anche se separati, hanno realizzato un brano e un video musicale.

Born in Cagliari, Sandra graduated at Rome University (L.U.M.S.A.) in 1992, where she specialised in Anglo-Saxon languages.
During her secondary school and university studies, she was introduced to the world of musical interpretation and took piano lessons. Gifted with an extraordinary natural talent for music, while still very young she started singing with the choir of the Folk Group of which she later became artistic director.
In 1983 she began her career as a solo folk singer in an important folk event in Arnhem, in the Netherlands, where was very successful.
As a result of her great love for music, she extended her repertoire to include pop songs and jazz music.
In 1992 she made her first record, Bentu ‘e Notte, which included a few of the most famous Sardinian folk songs.
The songs she proposes as a soloist are folk songs elaborated to include both traditional and modern sounds respecting the fundamental parameters of the original music.
Since 1997 she has written both the lyrics and the music of a few of the songs she sings at her concerts. Since 1998 she has collaborated in Play On musical productions and composed radio advertising jingles and pieces of dance and pop music.
In 1999 she won second prize at the Sardinian Song Festival with a moving lullaby in the Logudorese language.
In 2000, in New York City, she took part in the Columbus Day celebration as one of the Sardinian representatives. In the same year she performed in Argentina with two concerts in Cordoba and San Miguel de Tucuman.
In 2001 Sandra performed at the Festival of Music, Dances and Folk Songs held in Budapest and, on that occasion, she was invited to participate in a television broadcast on RTL, a Hungarian television channel. In the same year she was a regular guest, as a singer, in the program Le Feste broadcast on Videolina.
In September 2003 Sandra took part in the 1st “ Premio Maria Carta”, in Siligo. The same year, with the collaboration of valuable musicians, she realised a new recording: UNDAS; it contains eight unpublished tracks in the Campidanese language and nine traditional tracks in the different Sardinian linguistic variants.
In August 2004: participated in the concert of Andrea Parodi and Al Di Meola held as part of the Rocce Rosse Blues Festival which resulted in a live CD later released in the music market.
In April 2005: Sandra took part, together with the Sardinian singer-songwriter Gigi Marras, in the Mantua Songwriting Festival. The same year, in addition to performing in various locations in Sardinia, she participated in a Folk Festival in Nice and in a concert in the city of Brà (CN).
In 2008 she performed in two Christmas concerts organized by the Italian consulate in the city of Los Angeles and in 2009 she performed in the concert held in the Tokyo Imperial Theater on the final evening of the official meeting between Sardinia and Japan.
In 2010 Sandra held a concert in the city of Maastricht, the Netherlands, at the annual festival of Sardinian emigrants.
The following year, 2011, she performed several concerts in Sardinia including "Voci di donne", a concert of sacred songs for female voices held in Cagliari on May 2nd in the basilica of Bonaria and costarred by the Ligurian singer Antonella Ruggiero and the Algherese singer Franca Masu.
In 2012 Sandra took part in the concert “Schwäbische Weihnach” (Swabian Christmas), in Balingen, Germany, where she introduced some Sardinian Christmas songs accompanied by classical and popular German instruments. She was later involved by the "Volkstanzgruppe Frommern Schwäbischer Albverein", a German cultural organization, in the European project that creates a collection of popular songs for childhood in different European traditions. The first work, a CD, was released the following year.
Since 2013, Sandra has participated in various events in Sardinia, in Italy and abroad, also collaborating with various musical groups.
In 2014 Sandra took part in the project "Isula Isuli" as part of the 11th edition of "Canti di Canne" held in Villaputzu, where the popular musical traditions of Sicily and Sardinia met through the alternation of her repertoire with that of the Sicilian singer Francesca Icudine.
In 2016 Sandra planned and performed several concerts, including: in Karlsruhe, in collaboration with the ethnic musical group Fantafolk, for the Sardinian community emigrated to that city; in Siena, in the historic residence "Relais La Suvera", for an international audience; in Oberhausen, where she offered a musical frame at the inauguration of the new Sardinian club previously destroyed by fire.
Between 2015 and 2017 the Sardinian and German-Swabian popular cultures met in the show-concert "Heimat im Wandel" held at the Theater of Mössingen (Germany) where she participates in collaboration with the Swabian dialect theater company "Die Drei vom Dohlengässle". In the summer of 2017, with the ethno-rock group Nemos, she created a musical project which later led to a concert.
In 2018 Sandra performed a musical interlude included in a conference of the then Foreign Minister and Deputy Chancellor of Germany Sigmar Gabriel. She also participated, with other Sardinian artists, in the 4th edition of "Cantos de Lughe", an event organized in Oliena for the Holy Week. Hence the idea of creating a recording of sacred songs. She first recorded her own version of “Sette ispadas de dolore”, then composed a melody for the liturgical chant “Santo” and translated the text into Sardinian-Campidanese. The work is still in progress.
In 2019 Sandra took part in the 13th edition of “Beni Beniu Beranu” organised by the cultural association Froris de Beranu in Quartu S.Elena. She also represented Sardinia in the Europafest der Kulturen, an event held every year in Heilbronn, where artists of different ethnic groups participate.
In 2020, during the lockdown due to Covid19, Sandra was involved in the project called "Bottalrle un Xeito" created and edited by the Xistra de Coruxo Cultural Association of Galicia. The topic is precisely the pandemic. The project brought together several artists from various European countries who, together even if distanced, created a song and a music video.